GIUGNO 2013 N.32

UN QUADRILOCALE PER DIECI di Lorenzo Tamberi’ 95

In CURIOSITA' on 29 giugno 2013 at 05:10

In queste prime settimane di una tanto agognata vacanza, posso dire di aver sperimentato, per la prima volta, la difficoltà di una convivenza , sebbene scelta e a lungo desiderata, con nove tra i miei migliori amici, in un quadrilocale. Tutti sappiamo che un’esperienza di questo genere , si pensi ai campi e alle varie iniziative alle quali la comunità ci ha abituato, è sconosciuta alla stragrande maggioranza delle persone, cosa che non va assolutamente sottovalutata nell’organizzazione di una vacanza simile. Il problema principale che il nostro gruppo ha dovuto affrontare è stato quello del cibo: devo ammettere che il fatto mi ha sorpreso. Non avevamo infatti messo in conto quanta fame possa avere un diciottenne maschio dopo una giornata di sole, mare e giochi in acqua. Si era deciso prima della partenza di portare per la spesa comune e per compere varie ed eventuali una somma di circa centoventi/ cinquanta euro; dopo una settimana abbiamo calcolato che, per sfamarci tutti a sazietà, ne avremmo dovuti portare almeno duecento. Ovviamente, non potendo ignorare le difficoltà economiche di molti, ci siamo dovuti arrangiare con quello che avevamo, giungendo però a frequenti discussioni e litigi. Tuttavia ritengo che il problema principale stia nella difficilissima capacità di adattamento e di responsabilità nella suddivisione dei compiti. Una parte di noi, non essendo mai stata in vacanza  senza genitori e non avendo mai dovuto affrontare difficoltà logistiche, come ad esempio stabilire e rispettare le porzioni di cibo a testa e l’obbligo di aiutare, avrebbe dovuto sforzarsi nella comprensione reciproca e nell’adattamento. Come penso sia naturale in ogni gruppo, qualcuno lavorava e qualcuno si limitava a lamentarsi, senza offrir il ben che minimo aiuto: si è giunti infine ad una situazione di “persone in vacanza” e “servi delle persone in vacanza”. Con questo non intendo dire che non ci sia stato un bel clima e che la convivenza sia stata così traumatica. Ho però notato che vi è una generale tendenza se non all’egoismo, quanto meno all’ incapacità di notare le problematiche del gruppo. E per problematiche intendo un disordine perenne e abbondante, soprattutto in cucina e in bagno, una continua svogliatezza di alcuni nell’assumersi qualsiasi tipo di compito, come sparecchiare la tavola, cucinare, lavare i piatti, pulire ecc. Non che queste siano mancanze estremamente gravi, ma alla lunga certi atteggiamenti, insieme ad una fastidiosa faccia tosta, hanno in parte compromesso il sereno trascorrere della settimana. L’esperienza è stata contemporaneamente divertentissima e molto educativa. Mi sono ritrovato per la prima volta nei panni dei miei genitori, a dover far da balia spesso e mal volentieri a “bambini” di diciott’anni.

Annunci
  1. …….E la prossima volta, partire con un bel ruolino di compiti e di suddivisione di responsabilità. Memorandum per chi farà la spesa: la quantità”riempi-stomaco” si può ottenere anche con ingredienti giusti ed economici 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: