GIUGNO 2013 N.32

Archive for novembre 2012|Monthly archive page

GIOVANI POST-DIPLOMA di Michele Ermini ’93

In ATTUALITA', OPINIONE on 11 novembre 2012 at 04:47

Una volta conseguito il titolo che ci si è prefissati, ci si affaccia su un mondo vasto ed ignoto, all’ingresso del quale bisogna cominciare a pensare a quale cammino intraprendere nella propria vita. Ma quali sono le possibilità che ha un giovane fresco di diploma? Solitamente, anche prima di aver finito la scuola, ci si pone il dubbio se sia meglio continuare  gli studi o entrare nel mondo del lavoro, e non sempre tutti hanno le idee molto chiare a riguardo. Chi sceglie di continuare a studiare, può essere influenzato dal tipo di scuola superiore che ha frequentato, e che potrebbe non aver fornito abbastanza competenze da poter permettere di cercare una seria occupazione. Oppure, più semplicemente, può provare passione per lo studio e  desiderare di approfondire argomenti o materie già affrontate in precedenza, o al contrario lasciarsi alle spalle ciò che ha studiato per affrontare qualcosa di nuovo. La scelta di cercare lavoro può essere anch’essa condizionata dal tipo di formazione, ma anche dalla scarsa attitudine allo studio, dalla passione per una qualche particolare attività o, ancora, dal desiderio o necessità di raggiungere una certa indipendenza economica. Ci sono ragazzi che sanno precisamente cosa intendono fare della propria vita e altri che non ne hanno la più pallida idea! Non vi è alcun dubbio, invece, sul fatto che di questi tempi è poco conveniente esitare e temporeggiare nel prendere questa decisione e soprattutto sarebbe meglio, una volta fatta la propria scelta, esserne convinti al cento per cento. Adesso è infatti estremamente difficile trovare un impiego e prima si inizia a cercare meglio è. Chi invece ha scelto l’università dovrebbe essere convinto del proprio impegno oppure deciso a rinunciare definitivamente, nel caso in cui ci si rendesse conto di aver sbagliato “strada”, in modo da evitare soprattutto sprechi di denaro. Un altro tipo di scelta, legata al lavoro, è data dall’esistenza di corsi di formazione da frequentare per arricchire le proprie conoscenze e il proprio curriculum. Da ammirare sono quelle persone che trovano il tempo, e soprattutto la voglia, di studiare e lavorare contemporaneamente. Ancor di più coloro che, potendo, svolgono un lavoro inerente agli studi che stanno effettuando, in modo da arricchire le proprie conoscenze sul piano teorico e pratico allo stesso tempo, per avere un’alternativa sicura nel caso si decidesse di smettere in uno dei due impegni e, magari, per potersi pagare quasi autonomamente i propri studi.

 

Poiché nessuno è perfetto non tutti riescono a prendere questo tipo di impegno, ma basterebbe anche solo essere più sicuri di sé e soprattutto non rimandare il momento in cui si affronta il problema della scelta da fare, perché certe scelte  condizionano profondamente la propria vita.

Annunci