GIUGNO 2013 N.32

Archive for maggio 2011|Monthly archive page

BREVE VIAGGIO NEL MONDO DEI GRAFFITI di Beniamino Fassari ’88

In ATTUALITA', CURIOSITA' on 1 maggio 2011 at 06:08

Nell’America fine anni Sessanta un ragazzo di New York, in meno di un anno, gira tutto lo Stato lasciando, con il nome d’arte “Taki 183”, circa 300.000 firme. Qualche mese dopo Taki è lanciato agli onori delle cronache dal New York Times che pubblica un articolo intitolato “Chi è Taki?”. La moda di lasciare la propria firma inizia così. I graffiti iniziano così, con una scritta semplice, solo il contorno di lettere. Tutta la creatività si concentra nella rappresentazione dell’alfabeto. Il popolo dei graffitisti nasce così dalla periferia urbana prevalentemente nera o ispano-americana dei quartieri degradati del South Bronx. I “tags” (così vengono chiamate in gergo le firme dei graffitisti) si sviluppano soprattutto nelle metropolitane dove transitano un gran numero di persone. E’ subito chiaro che il graffito è strettamente legato alla metropoli e al disagio metropolitano, infatti molti artisti anonimi avevano scelto i grandi spazi, lasciati vuoti dal degrado urbano o dalle strutture d’uso della città (metropolitana), per esprimere una loro idea di plasticità e decoro. Dopo qualche anno – siamo già alla fine degli anni Settanta – si passa ai muri. E il disegno diventa più complesso e articolato. L’arte del graffito risponde ad un’autentica esigenza espressiva, alla rivendicazione di un proprio diritto alla parola. Il graffito contrappone all’impersonalità e all’oggettività dello stile adottato dai “bianchi”, una modalità espressiva cromaticamente aggressiva. Le pareti ed i convogli della metropolitana diventano il supporto ideale per i colori industriali utilizzati per rappresentare i colori della vita, accesi e sbiaditi al tempo stesso, a volte sovrapposti gli uni agli altri come manifesti sui pannelli. I muri sono decorati con un linguaggio grafico fatto di immagini e parole – slogan politici, frasi erotiche, richiami ermetici – tracciate con bombolette spray, che danno vita ad un intreccio tra le forme d’arte più disparate. I turisti europei colpiti da questo fenomeno lo importano in Europa. Ma il grande veicolo di quest’arte è l’hip-hop e le migliaia di giovani che seguono questo movimento. In molte capitali europee -prima tra tutte Parigi – i graffiti arrivano grazie ai concerti rap e diventano sinonimo di libertà espressiva e trasgressione. Chi li disegna, bande o semplici writers, lo fanno per esprimere opinioni politiche, un malcontento, un messaggio. Questa è quindi l’evoluzione che ha portato il moto di rivolta del sottoproletariato nero delle grandi metropoli,nato per contestare i finti valori dell’opulenta società dei consumi, a diventare uno tra i più grandi movimenti mondiali degli ultimi decenni.

Annunci